Crea sito

Un fotografo difficile per noi

Michel Kirch, La vita è un gioco – Fonte: Fine Art Photography Awards

Michel Kirch
Nato in Francia, 1959.
Mostre in gallerie in Europa, Stati Uniti e Asia. (60 mostre in 12 paesi) È invitato a rappresentare la Francia nella mostra Shapes of Time alla Biennale di Alessandria nel 2008.
Opere acquisite da collezioni pubbliche e private. La Provincia di Milano sceglie opere della sua serie Climats per accompagnareuna conferenza di Edgar Morin e stabilire un legame tra il pensiero di Morin e il mondo dell’arte.
Diventa il primo artista ad essere scelto dalla fondazione L’Art pour la Conscience, sponsorizzata da Edgar Morin, e dona un’opera alla fondazione.
Viene scelto per due anni consecutivi (2009, 2010) dalla galleria Esther Woerdehoff per Paris Photo,e per MIART e MIA a Milano (2010, 2011).
Viene selezionato per tre anni consecutivi da Mac Paris (2009–2011).
Nel 2010 la sua mostra TransPhotographies è sotto i riflettori della Città di Marsiglia
Invitato dalla Galleria John McDermott all’Angkor Foto Festival nel 2010
Mostra all’Espace Cardin di Parigi nel dicembre 2011 sponsorizzata da Edgar Morin, con il sostegno dell’Agenzia spaziale europea.
Nel giugno 2012 è nominato Ambasciatore interculturale dall’UNESCO
Invitato dall’Ambasciata di Francia in India ad esporre a Nuova Delhi nel febbraio 2013.
Invitato dall’UNESCO a esporre durante la Conferenza globale nel giugno 2013.
Retrospettiva su vari siti nel città di Metz, compreso il Musée de la Cour d’Or, settembre 2013 – gennaio 2014
Mostre con la galleria Baudoin Lebon alla fiera Art O’Clock, Parigi, settembre 2013.
Rivista Black and White: Vincitore del premio, Portfolio Concorso, novembre 2013. Grand Prix Eurazeo per la fotografia, 2013.
Pubblicazione della monografia les éveillés novembre 2014
MUSEO BENAKI, GRECIA – Athens Photobook Show, luglio 2015
Invitato dalla Mairie de Paris per “Bridges and Cultures” con mostra personale e conferenza, settembre 2015
Vincitore del Concorso Internazionale «Spirito del Mediterraneo», organizzato da PHOTOMED e LENSCULTURE. 26 maggio – 19 giugno 2016
«Monochrome Photographer of the Year« gennaio 2017 (Monochrome Awards)
Monovisions Photography Awards

Uno sfondo nero e, molto spesso, un personaggio all’interno di un paesaggio in cui funge da punteggiatura, in una relazione significativa. Questo personaggio [Michel Kirch] sopporta da solo il peso della condizione umana. I suoi gesti, i suoi silenzi, i suoi impulsi sono approcci universali attraverso i quali ciascuno di noi può o deve gestire il suo rapporto con il mondo. È allo stesso tempo piccolo e gigantesco, perso e pienamente presente. Incise nella sua sagoma possiamo trovare le ragioni che giustificano – o meno – la sua presenza in un dato luogo. Una presenza che potrebbe essere inappropriata se non fosse per il fatto che la forza che lo spinge trascende il paesaggio percepito. È un catalizzatore, è una coscienza, il Risveglio è in agguato per lui. Il paesaggio è il banco di prova dei risvegliati. Là gli elementi sono potenti, a volte giganteschi, spesso inquietanti. La prova che sta subendo assomiglia al suo paesaggio interiore: pianure sature di oscurità, strade da seguire come un labirinto casuale, terreno più alto da scalare. Ma il paesaggio ha bisogno del risvegliato, così come ne ha bisogno per il suo divenire. Completano l’energia la cui genesi scaturisce dall’equilibrio del loro incontro.
Fine Art Photography Awards

Il funambulismo, più comunemente noto come “camminare sul filo del rasoio”, esercita un fascino irresistibile e universale. Guardiamo l’artista di alto livello attraversare le cascate del Niagara o il Grand Canyon con il fiato sospeso e l’anticipazione del cuore, sbalorditi dal coraggio e dall’abilità in mostra.
Un brivido simile abita la propria risposta estetica ai costrutti fotografici di Michel Kirch. In molte delle sue immagini, figure intrepide si impegnano nella propria danza con la morte in ambientazioni surreali e vertiginose evocate dalla fertile immaginazione di Kirch. Donne vestite di sari volteggiano e saltellano su strette travi di cemento impossibilmente sospese sopra un paesaggio urbano notturno. Minuscole figure stagliate si appollaiano precariamente sul bordo di un gigantesco monolite di pietra che sporge da acque scure, profonde e minacciose. In alto, sopra un’altra città, un giovane temerario tenta il destino mentre si trova in equilibrio sull’asse di un’enorme X, il suo slancio sta per farlo cadere nel vuoto sottostante.
A parte il loro pericolo implicito, questi scenari invitano a un numero qualsiasi di letture intriganti radicate nelle dinamiche di opposizione.
“C’è sempre un sottile equilibrio tra un essere racchiuso in un vasto spazio aperto e un essere che trova la libertà dentro di sé”, dice Kirch. “È la sfida dell’esistenza umana, il vincolo che dà senso alla propria vita. Appollaiato sul filo come un funambolo, questa è la posizione fisica di queste sagome spirituali. Non si tratta di scegliere tra apertura infinita e reclusione, ma di equilibrio in un clima fertile di tensione “.
È giusto dire che queste opere abitano un regno in cui si intersecano sogni, ricordi e fantasie. Riguardano anche in modo trasparente i viaggi attraverso vari tipi di terreno – certamente fisici e cronologici, ma anche spirituali ed emotivi. “Arriva un momento in cui la materia viene sublimata”, rivela Kirch. “È l’essenza dello sforzo artistico, dove la materia diventa mente, il viaggio un’iniziazione e dove il tempo diventa elastico. Quando l’immagine risuona, il viaggio che ha dato vita all’immagine diventa un viaggio tranquillo senza confini. Mi piace pensare che l’eternità trovi rifugio in quell’istante. “
Guardando queste immagini, si è tentati di raggiungere etichette come “surreale” e “ultraterreno”, anche se sembrano troppo strette per affrontare adeguatamente tutta la molteplicità tematica al comando di Kirch. Sottolinea che i surrealisti “hanno scosso la realtà fino al punto di dubitare”, sostenendo che le finzioni visive che crea sono ancorate a una realtà plausibile. Vale a dire, il suo punto di partenza è un’immagine tangibile catturata (in un istante istintivo, inconscio) con una cinepresa. Dopo che l’immagine è stata sviluppata e scansionata, Kirch la sottopone a varie manipolazioni digitali fino a quando non emergono altre realtà o finzioni realistiche. Le immagini risultanti riescono ad essere riccamente metaforiche pur rimanendo ambigue.
“L’atmosfera rimane un mistero, anche per me”, ammette Kirch. “Più svelo, più definisco, più diventa evidente una certa sinergia e non ho più il controllo. Più cerco di controllarlo, più la mia “creatura” si ribella, rivendica la sua indipendenza ea volte mi sfugge del tutto “.
Kirch, che è nato a Metz, in Francia, e ora vive in un villaggio medievale vicino a Parigi (lungo la strada dalla casa di Maurice Ravel), è cresciuto in un ambiente creativo. Sua madre è un soprano lirico e suo padre è un poeta; non sorprende che la musica e la poesia informino le sue esplorazioni visive. Ha scoperto la fotografia viaggiando all’estero dopo aver conseguito la laurea in medicina in chirurgia dentale.
Il suo primo viaggio significativo lo ha portato attraverso il Sahara, durante il quale ha acquistato una macchina fotografica per registrare paesaggi e situazioni. Nel giro di alcuni mesi si rese conto che la fotografia era un linguaggio a sé stante. Notò subito il suo occhio soggettivo e molto presto si rese conto che poteva creare poesia con le immagini. Kirch ha diviso il suo tempo tra la sua pratica medica e la sua carriera artistica fino al 2010, quando si è dedicato esclusivamente alla fotografia.
Dean Brierly in Michel Kirch

da Chiara Salvini, Un fotografo difficile per noi a meno di etichettarlo surrealista, Michel Kirk…, neldeliriomaisola, 18 febbraio 2021